EDITORIA

Le case editrici, salvo poche eccezioni presenti nel nord e nel centro, sono quasi tutte gestite da uomini ed il mercato dell’editoria è sempre più colpito dalla crisi: in quanto giovani donne editrici del sud, abbiamo deciso di accettare una doppia sfida.

Conciliare le esigenze dell’editore di pubblicare buona narrativa ricavandone un giusto lucro, quelle dell’autore, specie se esordiente, di trovare a fronte di un suo lavoro ben fatto la pubblicazione, ed infine quelle del lettore di poter acquistare testi di qualità a prezzi accessibili. Formare quindi un luogo virtuale dove i tre principali attori del mercato editoriale possano incontrarsi, forti della grande e imprescindibile esigenza comune: la qualità della scrittura, che a prescindere dai generi siano questi noir, giallo, fantasy o saggistica deve essere sempre la prima cura di chi si accosta a qualsiasi titolo al mondo della parola scritta.

Per poter acquistare i nostri libri, è necessario scriverci all’indirizzo e-mail conciliaqui@libero.it .

E’ da qui … – Andrea Laganà

Vivere ogni giorno con la voglia di fermare il tempo, di tornare a quando tutto era più facile e spensierato, più emozionante. L’adolescenza lascia il posto alle piccole difficoltà di ogni giorno, ai conflitti interni e a quelli col mondo esterno. Si incrociano, così, le esistenze si alcuni giovani dalla vita ordinaria, alle prese con i tormenti del cuore, le delusioni di chi ha riposto troppa fiducia nella forza d’animo altrui, le frustrazioni di chi si aspettava un futuro diverso e un se stesso migliore. Vite a confronto che s’incontrano e si scontrano lungo le strade della città e nei battiti delle lancette di un orologio che scandisce il tempo che scorre. Un tempo che porta via con sè la spensieratezza degli anni migliori, ma che regala, a chi sa coglierla, la felicità che solo sacrifici e scelte complesse possono dare. Eppure quel che sembra lineare e prevedibile lascia il posto a risvolti inaspettati, carichi del peso di un’amara riflessione. E’ così che tutto appare diverso visto da un’altra angolazione.

Dalle ultime lettere di Abhel Lerua – Loredana Tierno

Romanzo epistolare, in chiave moderna, dal palese richiamo all’Ortis del Foscolo. E’ la storia di un amore vissuto in un paesaggio simbolico dove tutto sembra segnato da un fatale destino.

Antiterrorismo ed esplosivi – Luca Cavallo Stori

Nel presentare questo testo non farò altro che spiegarne il titolo che ho voluto dargli. L’esplosivo è da un punto di vista operativo una forma di energia, uno strumento di lavoro che opportunamente dosato, calibrato, manipolato e rispettato, supporta insostituibilmente l’attività umana, laddove l’impiego di altre risorse risulterebbe troppo gravoso o tecnicamente non attuabile e pertanto insostenibile. Come tutti gli strumenti va, anzi, deve essere profondamente conosciuto e per farlo in maniera consapevole non si può prescindere da piccole nozioni tecnico scientifiche oltre quelle di ordine pratico, che ci condurranno a piccoli passi, verso la comprensione di cosa sia un esplosivo o un’esplosione, cosa si intenda per deflagrazione o per detonazione, quali i metodi principali per l’innesco, quali le forme che può assumere e quali le sue caratteristiche intrinseche.

La signora della Marra – Immacolata Cacciaglia, Marcella Cardassi

Nel 1283 il principe Carlo d’Angiò, vicario del re, diede il via a un processo che vide quali accusati i più alti notabili della sua corte. Questi uomini, responsabili delle finanze del regno, vennero accusati dal sovrano di abuso di potere, di concussione, e di aver gravato sul popolo con una tale massiccia imposizione fiscale d’aver generato il malcontento, la rivolta dei Vespri Siciliani e non ultima la discesa in guerra degli Aragonesi.
Nel giro di una sola stessa notte, in ogni città del regno, da Ravello a Barletta, da Napoli a Palermo scattarono gli arresti…

Tra gli imputati anche Ruggero della Marra, membro di uno tra i più potenti casati storici di Ravello, che con la sua famiglia e con gli uomini del casato di sua moglie, Chura Rufolo, gestisce fin dai tempi dell’imperatore Federico II di Svevia le finanze del regno, ricoprendo i più delicati incarichi.

Come un fulmine, la macchina accusatoria del re angioino si abbatte sulle vite di Ruggero e dei suoi parenti.

…e a Chura non restano che pochi giorni per scoprire la verità, cercare di salvare le vite, comprendere le oscure trame del potere che nelle loro spire stanno tentando di strangolare il suo mondo. Per agire. Solo poche ore di tempo per prendere in mano la sua vita…